Gio. Apr 25th, 2024

Fino a non molto tempo fa, la cessione del quinto era un tipo di prestito personale che veniva un po’ bistrattato. Infatti, era considerato come l’ultima spiaggia quando si era alla ricerca di credito.

In sostanza, era l’ultimissima possibilità per poter accedere a un finanziamento quando c’era una segnalazione su banche dati. Vale a dire che chi era stato segnalato come cattivo pagatore, anche solo in passato, aveva molta difficoltà a  trovare un finanziamento tradizionale e allora faceva ricorso alla cessione del quinto.

Evitare la segnalazione di cattivo pagatore

Con la cessione del quinto Roma, una particolare modalità di prestito personale, il pagamento della rata mensile per remunerare il prestito concesso, spetta al datore di lavoro, o in alternativa all’ente pensionistico nel caso in cui il contraente sia un pensionato.

Grazie alla soluzione della cessione del quinto Roma è il datore di lavoro che paga la rata e quindi tecnicamente il rischio di insoluto veniva spostato a questo soggetto, evitando le restrizioni che pendono sul soggetto richiedente. Vale non solo per le persone che sono ancora segnalate come cattivo pagatore ma anche per chi lo era in passato. Succede che anche dopo aver risolto la segnalazione, in realtà la macchia resta; banche e istituti finanziari sono in grado di ricostruire l’intera storia finanziaria di un soggetto e quindi negargli l’accesso al credito anche per un piccolo insoluto, poi pagato, di decenni e decenni fa.

La rimborsabilità delle spese

Tuttavia, fino a qualche tempo fa, i costi per l’istruttoria della cessione del quinto Roma erano più alti rispetto a un classico prestito personale. Lo stesso valeva per la commissione e le alte spese di istruttoria, senza contare poi la copertura assicurativa che è obbligatoria per erogare il credito con la formula della cessione del quinto.

Una volta, le spese erano sostenute anticipatamente dal richiedente e poi trattenute sulle somme erogate successivamente, ma oggi non è più. Infatti, vige la rimborsabilità delle spese sostenute dal soggetto richiedente in modo anticipato e non godute, sia quelle iniziali sia quelle periodiche.

Di Grey